Fotografia

Luci e Ombre

Sogno e realtà, luoghi concreti e immaginari raccontati attraverso una sequenza di fotogrammi.

Le luci rappresentano speranza e futuro, come la prima immagine impressa nella mia mente, quando mia madre mi indicava “le luci”, in una lontana notte veneziana. E nelle pieghe della luce, come nelle pieghe di tutte le cose ci sono anche ombre, simbolo di incertezza, fragilità e inquietudine. Ma luci e ombre, insieme, sono vita.

Luci e ombre sono la tavolozza con cui il fotografo disegna e plasma la sua realtà, illuminando ciò che vuole dire e oscurando ciò vuole nascondere. Perché tutte le cose esistono contemporaneamente, in termini di spazio e tempo, anche se noi vediamo solo ciò che vogliamo vedere. Questo è il potere del fotografo: cattura, esclude, cambia prospettiva, sposta il fuoco, mette in luce ed ombra e, ad ogni cambiamento, manipola la realtà, per materializzare la sua visione.

A volte è per creare un mondo migliore, cancellando miseria, volgarità e degrado che ne opprimono l’estetica; a volte è per elevare l’importanza di un particolare che, in quanto piccolo, è schiacciato dalla tirannia delle maggiori proporzioni; in ogni caso, ci trascina nel suo mondo e ci racconta il suo sogno.

Un centesimo di secondo di luce per cristallizzare ventiquattro per trentasei millimetri di personale realtà, su cui riflettere al riparo dal fragore del tempo. Sorrisi che non potranno essere corrotti dal dolore; abbracci che non saranno spezzati da incomprensioni ed egoismi; frammenti di vita sospesi, decontestualizzati e sterilizzati in enigmatica persistenza.

In questa raccolta mi sono concesso la libertà di accostare luoghi e situazioni distanti tra loro migliaia di chilometri, apparentemente senza una precisa logica. Il fil rouge forse è nello spirito di queste terre, o forse solo nelle mie emozioni, ma certamente nelle loro luci e ombre.

Accedi alla Galleria Fotografica