Intellĭgo – Semantic Enterprise Content Manager (en)

di Dan Pejeroni [Infosphere]

EnIntellĭgo, intellĭgis, intellegi, intellectum, intellĭgĕre

tr. III coniug.| v. tr. III conjug.| tr. v. III conjug.

intendere (v.tr.); apprendere (v.tr.); capire (v.tr.); comprendere (v.tr.);  accorgersi (v.pron.); afferrare (v.tr.).


web-semanticoIn the last years, due to the revolution introduced by the mobile devices, we have witnessed a profound revolution of the web. The need to separate the content from its presentation has become a priority, if nothing else, to be able to adapt the format of the pages to the display capabilities of the different devices, which currently range from large information screens to huge advertising LCD, down to the tiny wearable devices, passing through the today ubiquitous smartphones and tablets. Furthermore, the independence of the content is a prerequisite for an efficient translation to suit the many languages and cultures , for an audience that has become global.

Even the Internet surfing habits of the users, in a web increasingly Google centric, are rapidly changing. In mobile devices, the apps have almost completely replaced the browser, enough to force the operators of specialized portals to develop apps and deliver their content to them. Even for this purpose, it is essential to have a pure content.

Tim Berners Lee , the father of the world wide web, launched in 2001 the idea of turning it into a large base of universal knowledge, introducing the concept of the semantic web. The idea was to replace in the web, the too rigid hyperlink, with semantic links applied to content and, above all, provide them with meaning.

In October 2014, with the publication by the W3C, of the recommendation on the HTML5, with the simultaneous adoption by the major browser developers and the Google search engine, materialized the concrete possibility to the realization of  the Lee’s dream.  In fact, HTML5 comes with a marked orientation to semantics , based on a new generation of meta tags : microdata which, if properly applied to the content, can give them meaning. But, again, you must have pure content.

rich-snippets-infoGoogle with the latest Hummingbird algorithm, uses semantic tags to produce much more precise SERPs, enhance the more valuable content and provide them to the users with related information and Snippets, which often make unnecessary the use of the website that hosts that content. Increasingly, instead of calling the url of a website to get information from it, we seek and obtain, directly from a Google search, the final information. This will move the focus from the web portal to the specific content (that is news , a sports result , the price of a product , the profile of a person or the history of a monument).

To take advantage from the opportunities that this incredible technological evolution is making available, we need pure content, to enrich with semantic information, to make them available in many languages, filtered according to the user’s profile and fit them, time to time, to his device.

The traditional CMS ( Content Management System), give little help in this area, as they are not able to operate such a precise distinction between the content and its presentation.

Intelligo was developed based on all these considerations and on this basis, to develop an engine for creation and management of quality content publishing, to be supplied to the traditional portals and websites , as well as to the apps of smartphones and tablets, using common REST services. The information can be enriched with micro data and linked data, filtered by rules and translated into all the languages of the world. The presentation can be applied using CSS3 style sheets . The Google search engine , thanks to the semantic microdata, is able to interpret in an optimal manner the content of Intelligo , providing best placements in SERP and controlled Snippets.

The Intelligo solution

Intelligo is a EMS (Enterprise Content Management) massively multilingual, designed to provide a complete separation between the content and their typographic or multimedia presentation. For the management of the structural aspects and graphics, it can operate in conjunction with leading open source CMS (WordPress , Drupal , Joomla). It also allows the content enrichment with semantic tags and microdata , according to the standards Schema.org and RDF .

diapositiva2
In Intelligo “the content is pure”, as being independent of fonts, colors, capital letters, as well as its translation in multiple languages and it is a value, as re-usable and meaningful. This feature is the base of the publishing and the web of the future (multimedia publishing and the semantic web), but even now it is possible to exploit the possibilities in terms SEO with Google, getting for our web pages, better SERP positioning and more effective snippets. In addition, the reuse of the meaningful sentences allows significant savings in term of costs for translations .

The visibility of the content in Intelligo can be controlled by rules that allow customization of the items based on the user profiles, as well as the management of business policies, rules and laws, by a interpretation engine applied to user questionnaires .

Intelligo Enterprise Server provides a convenient interface RESTful (based on REST or SOAP ) , which return the contents in XML , JSON and HTML5 to power apps and web portals .

Intellĭgo – Semantic Enterprise Content Manager (it)

di Dan Pejeroni [Infosphere]

IT Intellĭgo, intellĭgis, intellegi, intellectum, intellĭgĕre

tr. III coniug.| v. tr. III conjug.| tr. v. III conjug.

intendere (v.tr.); apprendere (v.tr.); capire (v.tr.); comprendere (v.tr.);  accorgersi (v.pron.); afferrare (v.tr.).


web-semantico

Negli ultimi anni, per effetto della rivoluzione introdotta dai dispositivi mobili, abbiamo assistito ad una profonda rivoluzione del web. L’esigenza di svincolare il contenuto dalla sua presentazione è diventata una priorità, se non altro per poter adattare i formati delle pagine alle capacità di visualizzazione dei diversi dispositivi, che oggi vanno dai grandi pannelli informativi o pubblicitari LCD, fino ai minuscoli wearable device, passando attraverso gli ormai onnipresenti smartphone e tablet. Inoltre l’indipendenza dei contenuti è prerequisito per una efficiente traduzione per adattarli alle innumerevoli culture, di un audience divenuto ormai globale.

Anche le abitudini di consultazione degli utenti, in un web sempre più Google centrico, stanno rapidamente mutando. Nei dispositivi mobili le app hanno quasi completamente sostituito il browser, tanto da costringere i gestori di portali specialistici a mettere a disposizione anche le relative app. Anche per questo scopo, è indispensabile disporre di contenuti puri.

Tim Berners Lee, il padre del world wide web, lanciò nel 2001 l’idea di trasformarlo in una grande base della conoscenza universale, introducendo il concetto di web semantico. L’idea era quella di sostituire la ragnatela costituita dai troppo rigidi hyperlink, con collegamenti semantici applicati ai contenuti e soprattutto, dotarli di significato.

A ottobre 2014, con la pubblicazione da parte del consorzio W3C, della raccomandazione sul linguaggio HTML5, con la sua contestuale adozione da parte dei produttori di browser e dello stesso motore di ricerca Google, si è determinata la concreta possibilità di realizzare il sogno di Lee. Infatti, HTML5 arriva con un marcato orientamento alla semantica, basato su una nuova generazione di meta tag: i microdati che, se opportunamente applicati ai contenuti, possono conferire loro il significato. Ma ancora una volta è necessario disporre di contenuti puri.

rich-snippets-infoGoogle con il recentissimo algoritmo Hummingbird, utilizza i tag semantici per produrre SERP molto più precise, valorizzare i contenuti di maggior pregio e fornire agli utenti informazioni correlate e Snippet, che rendono spesso superfluo il ricorso al website che le ospita. Sempre più spesso, invece di richiamare l’url di un sito per ottenere informazioni, cerchiamo ed otteniamo, direttamente da una ricerca Google, quell’informazione. Questo sposterà il focus dal portale al singolo contenuto (che sia una notizia, un risultato sportivo, il prezzo di un prodotto, il profilo di una persona o la storia di un monumento).

Per cogliere le opportunità che questa incredibile evoluzione tecnologica ci sta mettendo a disposizione, servono contenuti puri, da arricchire con informazioni semantiche, per poterli rendere disponibili in molte lingue, filtrati in base al profilo dell’utente ed adattati volta per volta al suo dispositivo.

Le soluzioni CMS (Content Management System) e WCM (Web Content Management) tradizionali, siano di mercato, che open source aiutano poco in questo ambito, in quanto non sono in grado di operare una così spinta distinzione dei contenuti dalla presentazione.

Intelligo nasce da queste considerazioni e su queste basi, per realizzare un motore per la creazione e la gestione di contenuti di qualità editoriale, da erogare ai tradizionali portali e siti web, così come alle app, utilizzando comuni servizi REST. Le informazioni possono essere arricchite da microdati, filtrate da regole e tradotte in tutte le lingue del mondo. La presentazione può essere applicata mediante fogli stile CSS3. Il motore di ricerca Google, grazie ai microdata semantici, è in grado di interpretare in maniera ottimale i contenuti di Intelligo, fornendo posizionamenti migliori e snippet controllati.

La soluzione Intellĭgo

Intelligo è un ECM (Enterprise Content Management) per il web semantico, massivamente multilingua e progettato per fornire una completa separazione tra i contenuti e la loro presentazione tipografica o multimediale. Inoltre permette l’arricchimento dei contenuti stessi con tag semantici e microdata, secondo gli standard Schema.org ed RDF.

diapositiva2

In Intelligo il contenuto è puro, in quanto indipendente da font, colori, lettere maiuscole, così come dalla sua traduzione in una più lingue e costituisce un valore, in quanto riutilizzabile e dotato di significato. Questa caratteristica rappresenta la base dell’editoria e del web del futuro (l’editoria multimediale e il web semantico), ma già da oggi è possibile sfruttarne le possibilità in termini SEO con Google, ottenendo per le proprie pagine web, migliori posizionamenti di ricerca e snippet più efficaci. Inoltre il riutilizzo delle “frasi a senso compiuto” permette di realizzare risparmi significativi nei costi per le traduzioni.

La visibilità dei contenuti in Intellĭgo è controllata da regole che permettono la personalizzazione degli articoli in base a profili utente, così come la gestione di business policy, norme e leggi, mediante un motore di interpretazione applicato a questionari utente.

Intellĭgo Enterprise Server fornisce una comoda interfaccia RESTful (basata su servizi REST o SOAP), che restituiscono i contenuti in formato XML, JSon o HTML5 per l’alimentazione di app e portali web.